Non la solita zuppa sull’integrazione

Nell’ultimo periodo sentiamo molto parlare di Islam. In particolare la religione musulmana è diventato uno degli argomenti su cui si sentono più opinioni, sondaggi ed analisi. Opinioni in genere negative, sondaggi...
copertina islam

Nell’ultimo periodo sentiamo molto parlare di Islam. In particolare la religione musulmana è diventato uno degli argomenti su cui si sentono più opinioni, sondaggi ed analisi. Opinioni in genere negative, sondaggi spesso parziali e analisi quasi sempre superficiali. Tutto questo si intensifica durante momenti particolari, come i tragici avvenimenti di Parigi di poche settimane fa.

Ma andiamo con ordine.

In Europa il 5,8% della popolazione è di religione islamica ma, secondo un sondaggio Ipsos, la maggior parte dei cittadini europei ha una percezione sbagliata della realtà del proprio paese. In Italia gli islamici rappresentano il 4% della popolazione contro una percezione da parte degli italiani del 20%

Come in altri sondaggi, svolti ad esempio sulla percezione degli stranieri in Italia il dato è molto ingigantito e quelli che sono numeri normali in una società multietnica, diventano numeri insostenibili per chi percepisce la diversità come un problema e non come una risorsa.

“gli stranieri sono troppi, ci rubano il lavoro”, “Gli islamici?Ma quanti sono? Ci invaderanno”.

Leggere l’attualità con queste lenti non permette di vedere i dati reali ed in questo la responsabilità maggiore viene dalla politica.

Si perchè solo la politica può decidere di leggere questi numeri per quello che sono: numeri di una società plurale, dove esiste la libertà di culto e di religione, dove la libertà dei cittadini non è limitata (entro la legalità ovviamente), dove via via nascono e crescono generazioni che rappresentano un ponte fra culture che la politica può decidere di far sentire figli della propria nazione e appartenenti alla società.

Oppure la politica può decidere di prendere un’altra direzione, quella della paura, dell’odio e della chiusura, quella politica che ha portato Marine Le Pen ad essere in vantaggio in sei regioni della Francia e il suo Front National, partito di estrema destra, a superare addirittura la coalizione dell’ex presidente Nicolas Sarkozy.

I numeri spesso ci danno la lettura di un fenomeno nella sua interezza, ma sono le storie, le persone, le facce, i sogni e la quotidianità che spesso ci raccontano e ci spiegano la realtà. Per questo giovedì 10 abbiamo organizzato, in una formula un particolare, un momento in cui ascoltare e raccontare storie uniche e normali, allo stesso tempo.

“Non la solita zuppa sull’integrazione: donne, islam e seconde generazioni”: tre ragazze musulmane con le loro storie, il loro passato e il loro desiderio di futuro.

Il giornalista di ToscanaTV Arbër Agalliu farà le domande, a rispondere Takoua Ben Mohamed, fumettista interculturale, e le studentesse Luna Badawi e Sara Benedetti.

Isis, velo, islamofobia, libertà ma anche aspettative, vita quotidiana e passioni.

Un appuntamento organizzato in occasione del 67° Anniversario della Dichiarazione dei diritti dell’uomo.

Categories
Idee&Progetti
No Comment

Leave a Reply

Notizie

RELATED BY

  • unnamed

    L’importanza del recupero della Lucciola

    A seguito dell’interrogazione in Consiglio Comunale del 31 luglio presentata da Per Sesto, riportiamo il comunicato che il nostro Consigliere Marco Salvadori e il Capogruppo in Consiglio Andrea Guarducci...
  • Giornata mondiale dellacqua

    Hai detto acqua: una serata per parlarne assieme

      L’associazione Per Sesto organizza una serata di confronto e dibattito sui problemi legati all’acqua e all’acqua pubblica in particolare. Il diritto all’acqua come diritto universale e fondamentale? Quali...
  • Per-la-scuola-(1)

    Per la Scuola

    Un dibattito per la Scuola e sulla Scuola. Ripartire dal nostro patrimonio più importante per valorizzarlo, dando alle ragazze e ai ragazzi gli strumenti per affrontare il futuro. Come...
  • CentroxCentro

    Centro X Centro

    Mercoledì 16 dicembre la sala della Libreria Rinascita era piena per discutere del Centro di Sesto Fiorentino. Il centro della città non è semplicemente il fulcro di un territorio ma ne è il cuore,...